Vai al contenuto

“Ma soddisfatto di che?”

30 giugno 2010

“Mi sorprende il fatto che Dell’Utri esprima soddisfazione per una condanna a sette anni per un reato gravissimo, mi preoccupa che si parli di una realtà rovesciata”. Sono le parole del procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia, che ha commentati la sentenza di condanna per Marcello Dell’Utri, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. “Considero più che soddisfacente la sentenza -ha aggiunto Ingroia- perché si conferma in pieno l’impianto accusatorio della Procura. Comunque leggerò le motivazioni per capire bene il motivo che ha spinto i giudici della Corte d’Appello ad assolvere Dell’Utri per i reati commessi a partire dal 1992. In realtà il periodo dal ‘92 nella sentenza di primo grado occupava solo il quindici per cento dell’intera sentenza”.

Antonio Ingroia

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: